ANCI PER L'INCOSTITUZIONALITA! - I SERVIZI PUBBLICI DEI COMUNI NON SI POTRANNO PRIVATIZZARE

Categoria: Italia Pubblicato: Venerdì, 09 Settembre 2011 Stampa Email

IL COMITATO DIRETTIVO

  • Visto il testo della manovra approvata con il voto di fiducia al Senato e visto l’annuncio del voto di fiducia alla Camera;
  • Considerato che è mancata con il Governo una forma di concertazione istituzionale improntata alla leale collaborazione;
  • Ritenuto che i contenuti della manovra mortificano la dignità dei Comuni Italiani eliminando sostanzialmente ogni forma di autonomia;
  • Verificato che gli effetti della manovra sulla crescita saranno fortemente negativi e che le regole del PSI impoveriranno ancora di più le imprese e le famiglie italiane.

Tutto ciò premesso

il Consiglio Direttivo dell’Anci

  • proclama l’innalzamento del livello di mobilitazione e annuncia per il 15 settembre l’indizione di una giornata nazionale di protesta (giornata in comune) che si svolgerà contemporaneamente in 8094 Comuni durante la quale i Sindaci riconsegneraanno al Governo la delega su Anagrafe e Stato civile e saranno aperte le porte dei municipi alla cittadinanza per dare notizie sui costi dei comuni e per dare informazioni sugli effetti della manovra nei singoli enti. Invita altresì i comuni italiani ad avviare azioni legali per il recupero delle somme dovute dallo stato per il funzionamento degli uffici giudiziari;
  • annuncia il ricorso alla Corte Costituzionale contro gli art. 4 e 16;
  • invita i gruppi parlamentari della Camera di maggioranza e opposizione ad approvare un odg per istituire una commissione mista e paritetica con la quale  avviare il processo di riordino istituzionale e sulle regole del PSI come già promesso dal Governo
  • richiede l’immediata convocazione di un incontro per discutere il DDL costituzionale sul pareggio di bilancio ed in materia di province
  • procede alla formulazione di 4 proposte per il rilancio del Paese da condividere con le Province e le Regioni, le parti sociali ed il Terzo settore, da approvare a Brindisi in occasione della prossima assemblea congressuale, in materia di:

1.  Riorganizzazione istituzionale

2.  Welfare, sociale e servizi

3.  Spending review e priorità della spesa

4.  Crescita e nuove regole del Patto di Stabilità Interno.

  • Invita le Anci Regionali a procedere a forme di mobilitazione regionale
  • Conferma la riunione degli amministratori locali per il 23 settembre a Perugia e la contestuale convocazione del Consiglio Nazionale.

Roma, 8 settembre 2011

Visite: 1578
0
0
0
s2smodern
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta