^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


contatti segreteria: Edi Borgianni - [email protected]  - Raffaele Faggiano - [email protected] - segui gli aggiornamenti sulla nostra pagina Facebook

Gestione dell’acqua in Provincia di Como:

l’azienda dell’acqua deve essere totalmente pubblica, nessuna apertura all’azionariato privato

 

Il Comitato Comasco per l’Acqua Pubblica è stato ricevuto, lunedì 16 aprile,  in audizione dai Capigruppo in Consiglio Provinciale.

In quella sede ha esposto il proprio parere in merito alla bozza di costituzione della società che andrà a gestire l’acqua (Servizio Idrico Integrato) di tutti i comuni della provincia di Como.

La delegazione del Comitato ha apprezzato positivamente l’orientamento emerso nel corso dell’incontro, ovvero la volontà da parte dei Capigruppo presenti, di conferire la gestione dell’acqua ad una società totalmente pubblica, aderendo così al risultato del Referendum nazionale del giugno 2011, che ha decretato che la gestione dell’acqua debba essere esclusivamente in mani pubbliche.

 

Il Comitato ha però avanzato alcune osservazioni sul testo elaborato, per ora in bozza, dalla Provincia. In particolare si è sottolineato come alcune parti del documento rischino di consentire una possibile apertura all'azionariato privato. Il Comitato ha chiesto che nel testo del documento vangano eliminati i riferimenti ad una non meglio definita “società conglomerata”; In tal senso il Comitato ribadisce che la nuova società debba essere di esclusiva proprietà dei comuni, escludendo in maniera netta che l’azionariato si possa aprire, anche in futuro, a soggetti privati, cittadini o imprese.

Il risultato del Referendum è chiaro: la gestione dell’acqua deve essere realizzata da aziende pubbliche al 100%.