^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


contatti segreteria: Edi Borgianni - [email protected]  - Raffaele Faggiano - [email protected] - segui gli aggiornamenti sulla nostra pagina Facebook

ecco la prima mail giunta al comitato in risposta alla nostra lettera aperta ai candidati sindaci per la provincia di Como - Elezioni amministrative 2017

Celeste Grossi

Candidata sindaca della Prossima Como

 

Care compagne e cari compagni del Comitato comasco provinciale per l’acqua pubblica, eccovi, in estrema sintesi, il  punto di vista mio e della lista La prossima Como sul tema che naturalmente noi inseriamo nel più generale contesto dei diritti e della necessaria lotta alla privatizzazione dei beni comuni e alla ripublicizzazione di essi.

A quasi 6 anni dalla straordinaria vittoria referendaria del movimento per l’acqua, un’esperienza di partecipazione dal basso senza precedenti, alla quale io personalmente e molti dei candidati e della candidate di La prossima Como abbiamo dato un contributo, le cittadine e i cittadini di questa città che hanno detto chiaramente come l'acqua e i beni comuni siano garanzia di diritti universali e, come tali, da sottrarre al mercato e da restituire alla gestione partecipativa delle comunità territoriali, non possono rassegnarsi alla lentezza con cui si sta dando risposta alla volontà popolare. 

In fase transitoria, Comodepur S.p.A. (di cui il Comune di Como è il socio pubblico con la quota azionaria maggiore) continua a svolgere il servizio attuale.  

Noi, La prossima Como, ci impegniamo a portare a compimento celermente i processi avviati e ad assumere un ruolo più attivo all'interno di Como Acqua S.R.L, la società pubblica al 100% di cui anche il Comune di Como è socio e nella quale dovrebbe esercitare un ruolo di capofila essendo il capoluogo di una provincia, a maggior ragione ora che molte competenze delle Amministrazioni provinciali sono venute meno (e qui bisognerebbe aprire una riflessione sulla situazione della cosiddetta abolizione delle province). 

Como Acqua , la società costituita nel 2014 per gestire il servizio idrico integrato dei Comuni dell'Ambito di Como, resta ancora oggi una scatola da riempire.  Ci impegniamo accelerare  la firma della Convenzione  tra Como Acqua e Comodepurdi cui si parla dal 2015,  per la definizione del passaggio della gestione in economia della fognatura a Como Acqua.

La  questione della proprietà delle reti, un tema delicatissimo, riteniamo non vada affrontata in termini meramente economici  e che debbano prevalere gli interessi dei cittadini  e delle cittadine di Como che alla realizzazione di quelle reti hanno contribuito economicamente.   Affrontare i nodi di Comodepur, di Larianadepur e di Acsm Agam, fondamentali per il futuro dei beni comuni della città vedranno La prossima Como impegnati nel prossimo Consiglio comunale.

Insieme a Luigi Nessi sono riuscita nel 2016 a bloccare una delibera per la vendita di azioni di Acsm Agam al socio industriale e mi impegno a vigilare affinché nella gestione dell’acqua vengano esclusi i privati.

Per tutte le società partecipate e soprattutto per quelle che riguardano il benessere ambientale e la salute dei cittadini, pensiamo che ripensare il ruolo del Comune sia  necessario e urgente. Alla gestione locale e prossima ai cittadini di acqua, gas, rifiuti, energia, si è sostituito nel tempo l'affidamento a grandi complessi nati dall’aggregazione delle imprese a influenza territoriale ridotta.  Il controllo dei servizi pubblici è stato tolto alle Amministrazioni pubbliche locali, sia pure con il loro consenso, e preso in mano dai manager dei Consigli di amministrazione da una parte, dal mercato finanziario privato dall’altro.  Il modello delle multiutility territoriali, che ci viene proposto da anni, dai governi nazionali, non ci convince. Svolgeremo il nostro ruolo al contrario per la ripubblicizzazione di tutta la gestione dei beni comuni decisivi per la qualità della vita delle persone.

 

Infine la strategia della nostra lista di cittadinanza attiva è quella del confronto e non mancheremo di chiedervi la massima collaborazione per trovare insieme le soluzioni migliori nell'interesse dei cittadini, delle cittadine e dell'ambiente in cui viviamo.

 

Celeste Grossi

Candidata sindaca della Prossima Como