^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


contatti segreteria: Edi Borgianni - [email protected]  - Raffaele Faggiano - [email protected] - segui gli aggiornamenti sulla nostra pagina Facebook

Il Comitato Comasco Acqua Pubblica interviene nuovamente sulla questione dell’affidamento del servizio idrico a Como Acqua srl.
Il Comune di Como non ha ancora preso apertamente posizione sull’ultima fase per rendere operativa la nuova società Como Acqua srl.
La discussione è stata calendarizzata per la seduta del Consiglio del prossimo 13 novembre.
Siamo a conoscenza che, nel frattempo, con lungimiranza la Giunta avrebbe ritirato la proposta di votare contro alla delibera che riguarda proprio il “progetto di fusione per incorporazione e scissione parziale di diverse società in Como Acqua”.
Secondo il Comitato si è perso fin troppo tempo, per cui a questo punto è necessario lasciare da parte gli aspetti tecnicistici (che spesso vengono solo usati strumentalmente da alcuni partiti per “riposizionarsi” ai vertici della nuova azienda pubblica) e arrivare al più presto all’operatività di Como Acqua. In caso contrario il rischio sarebbe quello della privatizzazione!
Rammentiamo nuovamente che, se non venisse concluso in breve tempo l'affidamento da parte di tutti i comuni comaschi (e l’adesione del Comune di Como è tra quelle mancanti) alla società Como Acqua, vi è il pericolo di buttare alle ortiche il percorso scelto dagli stessi comuni fin dal 2011. Il rischio è quello di dover mettere a gara l'affidamento del servizio, gara che significherebbe aprire ai privati, con le ben note criticità evidenziate durante la campagna referendaria e annullando di fatto il risultato del referendum del 2011, con cui la maggioranza degli italiani (e quindi anche dei cittadini della provincia di Como) si erano espressi in maniera chiara e inequivocabile per la gestione totalmente pubblica dei servizi idrici.
Il Comune di Como, ricordiamo, ha votato due volte (giunta Bruni e giunta Lucini) per l’affidamento in house e ha collaborato attivamente per la stesura dello statuto della società Como Acqua.
Per tutti questi motivi il Comitato fa appello al comune di Como, affinché approvi nel consiglio comunale del 13 novembre il progetto di fusione delle società partecipate, arrivando finalmente all’operatività entro breve tempo di Como Acqua srl.
Il tutto con il primario obiettivo di far partire gli investimenti necessari per migliorare il servizio idrico in tutta la provincia di Como.

 

Comitato Comasco Provinciale per l’Acqua Pubblica

www.acquacomo.it   
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.