^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


contatti segreteria: Edi Borgianni - [email protected]  - Raffaele Faggiano - [email protected] - segui gli aggiornamenti sulla nostra pagina Facebook

L'assemblea dei Sindaci di Como Acqua del 15 novembre scorso si è chiusa con il NO al processo di fusione delle dodici società operative sul territorio provinciale.
105 i comuni presenti all'assemblea dei soci, di cui solo quattro hanno espresso voto contrario. Nonostante il 61% dei voti favorevoli non è stato raggiunto il quorum necessario del 66,66%.
Tra gli assenti anche 16 Comuni in cui il consiglio comunale aveva deliberato favorevolmente alla fusione.
A causa della scelta compiuta da una minoranza dei Comuni soci, ora si rischia la messa gara europea per l'affidamento della gestione dell'acqua a un gestore privato.
Affinché la gestione rimanga nelle mani dei Sindaci e di un gestore pubblico, per scongiurare l'affidamento a gestore privato, il Comitato Comasco Provinciale per l'Acqua Pubblica indice un presidio in difesa dell'acqua pubblica giovedì 23 dalle 20.00 a Como, in piazza San Fedele.
L'invito è esteso anche ai Sindaci che si sono spesi, e si stanno spendendo, per portare a compimento il  processo di affidamento al gestore pubblico, Como Acqua srl,  società in house.


www.acquacomo.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.